Aforismi
Recensioni di libri e considerazioni di carattere sociale e politico

Una spia nella casa dell’amore

Una spia nella casa dell'amore Book Cover Una spia nella casa dell'amore
Anais Nin
Erotico
Bompiani
1999-01-01
Paperback
252

A unique, moving story of a modern woman's journey into the depths of love and self-discovery, told in exquisitely erotic language and images of startling emotional truth, penned by "one of contemporary literature's most important writers" (Newsweek) and newly repackaged.

Recensione di “Una spia nella casa dell’amore”

Una spia nella casa dell’amore è un romanzo di Anaïs Nin scritto nel 1954 e tradotto da Delfina Vezzoli nell’edizione di Bompiani nel 1979.

Come molti altri scritti di quella che è considerata una tra le maggiori autrici della letteratura erotica del Novecento, in questo romanzo la protagonista è una donna molto sfaccettata, complessa, al di fuori del suo tempo e del suo spazio, che soffre la ristrettezza del matrimonio e della vita borghese in generale del secondo dopoguerra.

Sabina è una donna sposata che si descrive quasi come schizofrenica; innamorata del marito, non riesce però a restargli fedele e crea nella sua mente altre identità che le permettono di avere molti altri uomini.

In fondo la trama è tutta qui, anche se non è sicuramente la trama ad essere il centro della narrazione.

Un romanzo molto introspettivo e descrittivo, che ho trovato molto difficile da leggere non tanto per lo stile ma per quanto è complesso il vero argomento trattato: l’animo femminile nelle sfaccettature ribelli di una donna che anticipa i tempi.

Nonostante la difficoltà, credo che Anaïs Nin sia un’autrice da leggere assolutamente, e non solo se come me adorate Henry Miller di cui è stata amante nel periodo parigino, ma perché può aiutarvi a comprendere queste creature misteriose senza le quali non si può vivere: le donne.

Citazioni da “Una spia nella casa dell’amore”

“Quando i loro corpi ancora frementi giacevano fianco a fianco, c’era sempre silenzio, e in questo silenzio ciascuno incominciava  a tessere trame di separazione, a dividere ciò che era stato  unito, a restituire all’altro quello che per un attimo era stato egualmente condiviso.”

“Fu proprio vedendo la vita delle spie che si rese conto  pienamente che la tensione in cui viveva ogni momento era uguale alla loro, la stessa paura di compromettersi, di dormire troppo profondamente, di parlare nel sonno, di essere trascurati nell’accento e nel comportamento, lo stesso bisogno di pretesti  continui, di scuse inventate sui due piedi, di giustificazioni della propria presenza in un posto o in un altro.
Era sicura che avrebbe potuto offrire i suoi servigi ed essere di grande valore in quella professione.
Io sono una spia internazionale nella casa dell’amore.”

“Ho dormito con la guerra, una volta ho dormito tutta notte con la guerra. Ho riportato profonde ferite di guerra sul mio corpo, come a voi non è mai successo, un fatto d’arme per cui non sarò mai decorata!”

“In tempo di guerra l’odio confondeva tutti i valori, l’odio cadeva sulle cattedrali, sui quadri, sulla musica, sui libri rari, sui bambini, sui passanti innocenti.”

“Tutto poteva essere riutilizzato salvo gli artisti. Come si fa a riconvertire gli sconvolgitori dell’ordine passato e presente, i  dissenzienti cronici, gli spodestati del presente, i lanciatori di bombe atomiche della mente, delle emozioni, che cercano di  generare con sconvolgimenti continui nuove forze e un nuovo ordine mentale?”

“Nella vita della città non c’è momento più squallido di quello in cui si sovrappongono le frontiere tra chi non ha dormito tutta  notte e chi sta andando al lavoro.”

 

Similar posts
  • Mr. Lars, sognatore d’armi R... Titolo: Il sognatore d'armi Autore: Philip K. Dick Genere: Fiction Casa editrice: Mondadori Data di Pubblicazione: 1999 Pagine: 259 Nel ventunesimo secolo il mondo è diviso in due enormi blocchi militari, l’Ovest e l’Est, e il sogno della conquista del pianeta passa attraverso la costruzione di armi micidiali e perfette. A idearle per il Blocco [...]
  • Il mondo nuovo – Recensione Titolo: Il mondo nuovo - Ritorno al mondo nuovo Autore: Aldous Huxley Genere: Fiction Casa editrice: Mondadori Data di Pubblicazione: 01/01/1991 Formato: Paperback Pagine: 340 Romanzo del 1932, Il mondo nuovo è ambientato in un immaginario stato totalitario del futuro, pianificato nel nome del razionalismo produttivistico, dove tutto è sacrificabile a un malinteso mito del [...]
  • La luna e i falò – Recensione Titolo: La luna e i falò Autore: Cesare Pavese Genere: Fiction Casa editrice: Einaudi Data di Pubblicazione: 01/01/2003 Formato: Paperback Pagine: 211 Pubblicato nell'aprile del 1950 e considerato dalla critica il libro più bello di Pavese, "La luna e i falò" è il suo ultimo romanzo. Il protagonista, Anguilla, all'indomani della Liberazione torna al suo [...]
  • Il sentiero dei nidi di ragno –... Titolo: Il sentiero dei nidi di ragno Autore: Italo Calvino Genere: Fiction Casa editrice: Arnoldo Mondadori Data di Pubblicazione: 1 January 1993 Formato: Paperback Pagine: 159 Pubblicato nel 1947, Il sentiero dei nidi di ragno è il romanzo d’esordio di Italo Calvino. Protagonista è un ragazzino, Pin, che vive in un clima di privazioni e [...]
  • A viso aperto – Recensione Titolo: A viso aperto Autore: Renato Curcio, Mario Scialoja, Genere: Political Science Casa editrice: Mondadori Data di Pubblicazione: 1993 Formato: eBook Pagine: 228 Recensione di “A viso aperto” A viso aperto è un libro che raccoglie le interviste del giornalista Mario Scialoja a uno dei fondatori delle Brigate Rosse, Renato Curcio, tutte realizzate in carcere [...]

Words of Fame

“Ogni cattivo odore ci riguarda. Ci facciamo strada nel mondo per poi capitare nel mezzo di una scena medieval-moderna, una città di grattacieli di spazzatura con la puzza infernale di ogni oggetto deperibile mai fabbricato, e accorgerci che assomiglia a qualcosa che ci portiamo dietro da tutta una vita.”

— Don DeLillo, Underworld

Privacy

Google+

i